La proprietà di Château Meyney risale al XVII secolo, una delle più antiche del Médoc e della regione di Bordeaux. Nel 1662 la tenuta apparteneva ai monaci cistercensi, i quali, dopo averla usata esclusivamente come convento, iniziarono a piantare i primi vigneti. Classificato come Cru Bourgeois Saint-Estèphe, i vigneti si affacciano sul fiume Gironda, che protegge dalle basse temperature e possibili gelate. La proprietà si estende per circa 51 ettari ed è composta da 61% Cabernet Sauvignon, 30% Merlot e 10% Petit Verdot con età media tra i 35 e 40 anni.

Le vigne sono ad una quota di 20 metri su un pendio abbastanza ripido per il medoc che garantisce un buon drenaggio naturale del terreno.

L‘azienda è conosciuta per l‘inusuale alta percentuale di Petit Verdot, che può arrivare al 10%. Inoltre diversi appezzamenti di argilla blu, simili alla famosa argilla di Pomerol, si trovano fra i vigneti della proprietà e conferiscono potenza al Merlot.