Nel 2002 Carlos Ferreyros e Diego Loret acquistano la storica distilleria di Pisco Bodega San Isidro, fondata nel 1919 nell'Ica Valley, nel cuore della produzione di Pisco.

Sotto la guida di Carlos e Diego la distilleria è tornata agli splendori di un tempo. L'attrezzatura esistente è stata attentamente ristrutturata e sono stati acquistati due alambicchi originali del diciottesimo secolo. Alcuni aspetti della produzione sono stati modernizzati per aumentare la qualità, come una deraspatrice di ultima generazione prodotta in Italia e una pressa pneumatica che eviti l'ossidazione del mosto.

CHE COSE' IL PISCO?

Il Pisco è un distillato non invecchiato di vino, originario del Perù, prodotto utilizzando vitigni particolari.

Il distillato si sviluppò quando nel 1641 il Re di Spagna, Filippo IV, vietò l'importazione di vino peruviano. La legge portò i viticoltori dell'epoca  a convertire i propri vigneti, passando dai classici vitigni destinati al vino a vitigni specifici per la distillazione.

All'inizio del 1900 il Pisco ebbe un periodo di gloria e fama ma il colpo di stato militare del 1968 condizionò pesantemente l'agricoltura ed i vigneti vennero abbandonati. La dittatura militare finì nel 1980 ma il paese non trovò pace fino alla seconda metà degli anni '90.

Lo sviluppo economico dei primi anni del 2000 ha dato impulso alla produzione, che nel primo decennio del ventunesimo secolo ha visto un +800% dell'esportazione.

Oggi il Pisco è conosciuto e consumato in decine di nazioni ed il Pisco Sour è tornato a essere servito nei migliori bar di tutto il mondo.

IL PISCO PERUVIANO

Il Pisco Peruviano è qualitativamente molto diverso dal Pisco Cileno. Infatti può essere distillato utilizzando esclusivamente alambicchi Pot Still. Inoltre il Pisco Peruviano deve essere imbottigliato a grado di alambicco e non può essere diluito con acqua. Per questo motivo è molto più saporito e ricco di congeners.